L’appuntamento di Rimini ha rappresentato ancora una volta un riferimento europeo per imprese e istituzioni sul tema energia alternativa ed economia circolare. Un evento giunto alla 22a edizione, dove i protagonisti del settore dialogano e si confrontano sulle tematiche legate alla transazione energetica: come riferisce Michael Niederbacher – CEO di BTS Biogas – “sarà la sinergia tra i le imprese, le istituzioni e gli istituti di ricerca a consentire il raggiungimento degli obiettivi globali anche grazie allo sviluppo di tecnologie sempre più efficienti”.

Ecomondo è un palcoscenico su cui si accendono sempre più riflettori: le presenze quest’anno sono ulteriormente cresciute di quattro punti percentuali e sono stati rappresentati 115 Paesi con un importante quota da Cina e Federazione Russa.

INDUSTRIAL E AGRICULTURAL

Un’ottima occasione per presentare l’azienda ed eventuali novità e anteprime, come ha fatto BTS Biogas che in questa edizione di Ecomondo ha mostrato le sue due anime: industrial e agricultural.

La produzione di biogas e biometano riguarda mondi molto differenti tra loro: da una parte si parla di scarti agroalimentari, FORSU (Frazione Organica del Rifiuto Solido Urbano) e fanghi; dall’altra di sottoprodotti, reflui zootecnici e colture dedicate. Protagonisti diversi con una missione comune: ridurre l’emissione di CO2, creare un’economia circolare, produrre energia sostenibile.

Coerentemente con questa visione lo stand BTS Biogas presentava due degli oltre duecento impianti realizzati: uno alimentato con pollina e scarti agricoli e l’altro con sottoprodotti industriali e FORSU.

Per mostrare l’intero ciclo produttivo era presente un container di upgrading con tecnologia a membrane per la produzione di biometano e due pompe di erogazione: una per il biometano compresso (CNG), utilizzabile per gli autoveicoli, e una per il biometano liquido (LNG) utilizzato prevalentemente dai mezzi pesanti.

Il biometano quindi è stato protagonista dello stand. Grazie al Decreto Legislativo entrato in vigore il 2 marzo 2018 è un biocarburante in forte crescita in Italia con 1,1 milione di veicoli presenti sulle strade e come conferma Iveco si registra già un +12-13% di camion alimentati a LNG.

A proposito di biometano, uno dei premi per le iniziative degne di essere valorizzate nel 2018 di Ecomondo, è stato assegnato alla spedizione Torino-Pechino, un viaggio nel continente euroasiatico a bordo di una Toyota diesel dual fual metano/biometano, di cui BTS Biogas è stato main sponsor.

PROJECT DEVELOPMENT UNIT

Un’altra novità presentata alla fiera di Rimini è stata la Project Development Unit (PDU), un nuovo gruppo di lavoro con competenze ingegneristiche, legali e normative per sviluppare progetti sia di nuovi impianti di biometano che di revamping di impianti esistenti.

L’obiettivo della nuova unità è quella di dare sicurezza all’investitore: il processo standard è composto da quattro fasi strutturate in modo tale che i sunk costs vengano minimizzati anticipando, ovunque possibile, l’esclusione dei cosidetti “show killers” (mancata disponibilità del terreno, insufficiente disponibilità di biomasse, impossibilità di allacciamento alla rete…).

Nei diversi ambiti della green economy l’Italia si colloca mediamente in seconda posizione in Europa in termini di ricerca ed innovazione ed Ecomondo è la fiera di riferimento per scoprire le nuove tecnologie e confrontarsi con i protagonisti internazionali del settore.

L’appuntamento è per il 2019, dal 5 all’8 novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment